Blog
NOTIZIE-NEWS MERCATO IMMOBILIARE

NOTIZIE-NEWS MERCATO IMMOBILIARE (6)

Lunedì, 02 Settembre 2019 14:55

Le 8 cose da non fare per vendere casa velocemente

Scritto da

Disfarsi di una casa rapidamente non è impossibile, si tratta solo di non fare errori. Le 8 cose da non fare per vendere casa velocemente:

 

 1) Il prezzo Essere realisti e partire da un prezzo che permetta la vendita nel minor tempo possibile è la chiave di tutto. molti dicono che non è un segreto che in un momento di prezzi bassi, più la casa resta invenduta, meno vale

 

2) Essere pigri In questo momento del mercato aspettare non giova. I primi 15 giorni in cui la casa è in vendita sono quelli in cui più è efficace la pubblicità di un immobile e anche il momento in cui attrae maggiore attenzione.Bisogna approfittarne perché, giocare secondo la vecchia strategia del "non ho fretta di vendere e per questo chiedo tanto", in questo momento non funziona

 

3) Non giocare al ribasso Niente obbliga un venditore a diminuire il prezzo di vendita, però se si vuole vendere una casa conviene essere competitivi nel prezzo. Se è la casa più cara del quartiere, non è giocando al ribasso che la fará vendere prima. Alcuni consigliano di partire da un prezzo "anticipato", cioè, assegnare un prezzo che faccia i conti con i sei mesi successivi, in un mercato in calo come quello attuale

 

4) Avvalersi di una consulenza Calcolare il prezzo di casa propria può essere complicato in un momento come quello attuale in più, i proprietari di casa sono soliti attribuire alla casa un valore sentimentale che per i compratori non esiste. Mettersi nelle mani di un professionista o di un perito che aiuti a calcolare il prezzo adeguato e organizzi le visite della casa è di solito una buona idea. In questo momento c´è molta competizione nella vendita e tutto può essere utile "contro il vicino" che vende casa

 

5) Rifiutare le offerte In un mercato in calo se si rifiutano le offerte, a posteriori ci si potrebbe pentire. Bisogna distinguere tra quelli che realmente fanno un´offerta coerente e quelli che fanno un offerta temeraria, sapendo che tipo di proposta si sta rifiutando. Capire se si ha a che fare con un possibile compratore o con un perditempo.

 

6) Calma nel mostrare casa Non conviene dare la sensazione di esasperazione nel vendere la casa, né esagerare nel mettere in evidenza gli aspetti positivi dell´abitazione

 

7) Non evitare i professionisti A volte si fugge dagli agenti immobiliari, però, se non ci si vuole complicare la vita e la vendita della casa presuppone grattacapi, è raccomandabile mettersi nelle mani di esperti: sono d´aiuto e facilitano l´intero processo. Non dovremo più mostrare la casa a curiosi, né rispondere alle chiamate di perditempo, né preparare più cartelli, né discutere il prezzo con il compratore

 

8) Mettere prezzi differenti in vari posti Se un venditore mette un prezzo in un annuncio e l´agenzia immobiliare un altro, si genera sfiducia. la casa deve avere lo stesso prezzo in tutti i posti in cui si annuncia la vendita, indipendentemente da chi la gestisca

 

Se hai deciso di vendere il tuo immobile ma non hai idea di quanto può valere, se vuoi soltanto essere aggiornato sul suo valore di mercato, se vuoi conoscere i prezzi di zona dove l'immobile è ubicato ... grazie alla nostra esperienza e profonda conoscenza del mercato locale, la domanda specifica in zona, la comparazione di altri immobili compravenduti e aspetti quali la zona, i servizi, l'età, le condizioni interne ed esterne, la superficie, il piano, la disposizione dei locali, l'esposizione, le pertinenze, la  classificazione energetica, ci permette di dare valutazioni precise ed adeguate all'effettivo momento di mercato.

 

Se sei interessato, non esitare a contattarci, saremo lieti di offrirti tutta la nostra esperienza e professionalità.

La valutazione è gratuita e senza alcun impegno.  

Lunedì, 26 Agosto 2019 12:52

Valutazione Immobiliare

Scritto da

Quali sono i fattori che vengono considerati per la valutazione di un immobile?

Premesso che le varianti nella valutazione di un immobile sono molteplici, due immobili nella stessa via posso avere due valutazioni differenti.

Mi sento di dire che in linea di massima i fattori che vengono considerati per la valutazione di un immobile sono principalmente i seguenti:

La zona dove è ubicato l’immobile, la composizione dell’immobile (sopratutto se si tratta di un immobile residenziale), ma sopratutto la domanda di mercato ed il compravenduto.

Nello specifico, utilizziamo come dato principale le richieste che quotidianamente riceviamo nei nostri uffici o via email per immobili similari a quello in sede di valutazione, ed il compravenduto, cioè compariamo l’immobile in oggetto con altri immobili nella stessa zona e della stessa tipologia VENDUTI negli ultimi tre mesi.

E’ chiaro che si tiene ovviamente conto anche delle caratteristiche del’immobile (piano, divisione degli spazi, luminosità, condizioni generali e condominio).

La giusta Valutazione Immobiliare viene fatta da professionisti del settore, mettendo a disposizione del cliente tutte le competenze e soprattutto ESPERIENZE sia tecniche che commerciali.

In che modo è possibile far sì che il prezzo del proprio immobile, da vendere o affittare, aumenti?

In realtà non esiste un metodo o un modo per aumentare il prezzo del proprio immobile perché, come detto in precedenza, il prezzo lo fa il mercato.

Certamente si può, con alcuni accorgimenti importanti, rendere l’immobile più “vendibile”. Ad esempio per quanto riguarda il mercato residenziale, un appartamento pulito, accogliente in ottime condizioni ha un impatto diverso da un appartamento abbandonato e trasandato.

Da questo punto di vista negli ultimi anni si è sviluppata molto la figura del Home staging. “Home staging” tradotto letteralmente significa “mettere in scena la casa”, in pratica vuol dire preparare la casa con alcuni accorgimenti per darne un immagine che ne favorisca la vendita o la locazione.

Vuoi mettere a reddito il tuo Immobile? 

Ecco la nostra soluzione.

Si tratta di un contratto di locazione a prezzi calmierati che in questi ultimi anni sono oggetto di grande attenzione, in quanto i beneficiari sono sia gli inquilini, ma anche i proprietari, che pagheranno una cedolare secca più bassa, al 10% 

Come si stabiliscono i canoni concordati. Per prima cosa è necessario che si attivino il comune e le associazioni più rappresentative a livello locale dei proprietari e degli inquilini. Insieme devono infatti stabilire le modalità di valutazione degli immobili e, per ogni tipologia individuata e per ogni quartiere, definire un canone minimo e uno massimo

Il prezzo del canone concordato sarà quindi più basso di quelli di mercato, calcolati nella fascia compresa tra i minimi e i massimi individuati. Rispetto ai contratti  liberi ci sono due differenze fondamentali. La prima è che durano meno: tre anni più due di rinnovo automatico alla prima scadenza o altri 3 previa intesa

La seconda sono le agevolazioni fiscali
Per i proprietari esistono tre interessanti sconti fiscali, più una potenziale, a seconda dei comuni.

I nostri contratti di affitto stipulati ultimamente hanno riscontrato esiti positivi da entrambe le parti (inquilino e proprietario), con un risparmio di denaro considerevole. 

I nostri consulenti immobiliari saranno a vostra diposizione per un eventuale chiarimento attraverso i nostri numeri di riferimento o nel nostro ufficio in Francavilla al mare, viale alcione 23/d.

Mercoledì, 20 Marzo 2019 10:16

COSA VERIFICARE PRIMA DI VENDERE CASA ?

Scritto da

Se hai deciso di vendere casa ti consiglio di verificare step by step sia urbanisticamente che catastalmente il tuo immobile, evitando cosi fastidi dopo aver trovato l'acquirente.

La prima cosa da fare è recarsi al Comune in cui è ubicato l'immobile e andare all' ufficio Urbanistica, lì potrete trovare l' operatore o tecnico abilitato, il quale tramite il vostro indirizzo, licenzia edilizia (riportata sul vostro atto notarile) e altre info, può risalire ai documenti urbanistici della palazzina interessata.

Una volta trovati, dovete controllare:

-LICENZE EDILIZIE EDIFICIO (se sono menzionate correttamente sul vostro Atto);

 

-PROGETTO E LICENZA EDILIZIA EDIFICIO, APPROVATO DAL COMUNE E VERIFICATE

SE CORRISPONDE ALLO STATO DI FATTO;

 

-CONDONI EDILIZI (es. verande...ecc) con relativo Attestato di condono;

 

-VERIFICA AGIBILITA' O ABITABILITA'.

Oltre il comune dovete andare all' Agenzia del Territorio (catasto) controllando:

-La piantina catastale se corrisponde alla realtà, in caso non dovesse corrispondere bisognerà fare una variazione catastale (eseguita da un tecnico);

 

-controllo eventuali iscrizioni ipotecarie per soggetto e per sub presso l' ufficio di pubblicità immobiliare,

dal registro immobiliare (conservatorie dei registri immobiliari) dell' Agenzia del Territorio.

 

SE AVETE BISOGNO DI CONSULENZA TECNICA E COMMERCIALE, VI INVITIAMO A CHIAMARCI AL 085/815794 viale alcione 23/d Francavilla al mare (ch)

 

Venerdì, 08 Febbraio 2019 09:27

CHE VALORE DAI AL TUO IMMOBILE?

Scritto da

CHE VALORE DAI AL TUO IMMOBILE?

Hai idea di quanto può valere il tuo immobile e come presentarlo al meglio qualora tu volessi metterlo in vendita? Sai riconoscere un buon affare se devi acquistare?

FACCIAMO UN'ANALISI INSIEME:
-ZONA
-SERVIZI
-CONDIZIONI INTERNE/ESTERNE
-CLASSE ENERGETICA
-RIPARTIZIONE INTERNA ED ESPOSIZIONE
CONDOMINIO GRANDE/PICCOLO…….E TANTI ALTRI PARAMETRI.

E’ PROPRIO QUESTO IMPORTANTISSIMO ELENCO CHE TI PERMETTARA’ DI VENDERE BENE O MALE, TUTTAVIA ANCHE LE TEMPISTICHE DI VENDITA POSSONO ESSERE DETERMINANTI,

QUINDI PARTIRE CON IL GIUSTO PREZZO POTRA' AIUTARTI A RAGGIUNGERE IL MIGLIOR MODO PER VENDERE.

SEI INVITATO NELLA NOSTRA SEDE IN VIALE ALCIONE 23/D FRANCAVILLA AL MARE.

Lunedì, 20 Febbraio 2017 08:54

MUTUI: IL 25% DEL MERCATO HA MENO DI 35 ANNI

Scritto da

Crescono, ma non più come prima, le richieste di mutui e surroghi da parte delle famiglie italiane. Infatti, secondo i dati del barometro CRIF, le famiglie italiane che hanno fatto richiesta ufficiale di finanziamento per la casa sono cresciute dell’1,8%, un dato positivo, ma che rappresenta un rallentamento se si considera che il gennaio 2016 aveva visto un forte incremento delle interrogazioni. Questo rimane comunque un dato positivo, soprattutto se si guardano le statistiche del 2010, quando la crisi cominciava a far sentire i suoi effetti sul potere, e sulla, volontà d’acquisto degli italiani.


Leggero incremento anche nell’importo medio dei mutui richiesti. Si parla di una richiesta media di 121.193€, con una crescita media dello 0,9%, dato che però si relaziona al 2016, anno in cui si è registrato il minimo storico da sette anni a questa parte. La richiesta media si inserisce perfettamente nella fascia più ricercata degli italiani, i quali preferiscono col 29,1% la fascia tra i 100.001-150.000€, a seguire quelli fino a 75.000€ col 28,7%. Quasi uguali le fasce 75.001-100.000€ (19,8%) e 151.000-300.000€ (19,6%), mentre sono sul 2,8% quelli oltre i 300.000€.


Sempre sulle fasce quella più richiesta per la durata del mutuo è quella tra i 16 e i 20 anni con il 23,8% delle scelte, seguito a ruota dai quadrienni 21-25 (21,1%) e 26-30 (20,0%), mentre solo il 32% del mercato conta di estinguere il debito in meno di 15 anni. Sulle fascia di età ecco un’altra conferma di come i giovani siano fermati dalla crisi. Solo un under30 su quattro chiede il mutuo, mentre a chiederlo sono per il 60% persone dai 35 ai 54 anni. Il restante 8% sono over55.

Immobiliare Fermi

logooriginal

L’AGENZIA IMMOBILIARE FERMI è al fianco di chi vende e di chi acquista un immobile, incaricandosi di mediare le varie esigenze per ottenere, sempre, la massima soddisfazione da entrambe le parti.

Recapiti

whereViale Alcione, 23
66023 Francavilla al Mare (CH)
telefonoTel. 085.815794
emailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ultimi tweets